erboristeria monastica

by www.prodottimonastici.it

Ribes nero (Ribes nigrum)

Famigliagrossulariacee [lat. scient. Grossulariaceae, dal nome del genere Grossularia (ora incluso nel genere Ribes)]. – Famiglia di piante sassifragali, con circa 25 generi e poco meno di 350 specie, cosmopolite, arbustive o arboree, a volte spinose, molto spesso con peli unicellulari, foglie alterne intere o profondamente incise; hanno fiori bianchi riuniti in racemi o piccole ombrelle, oppure solitarî; i frutti sono bacche o capsule viola scuro di c.a 1 cm di diametro.

Nomi Comuni: Boessaro nero, uva rama, canestrei, uva spina nera, cassis.

Parte utilizzata: Le foglie e i frutti

Origine

La parola “ribes” nasce nell’antica città Greca di Corinto. Veniva utilizzata per chiamare le piccole uve secche di quella zona; oggi vengono chiamate Zante currants, mentre il frutto, non secco, prende il nome di Black Corinth.

Coltivazione

Il Ribes nero è coltivato da circa 400 anni; in passato era raccolto dagli antichi erboristi dell’epoca per le sue proprietà medicinali. Fu importati dal Olanda in Inghilterra da Tradescant, naturalista botanico britannico, nel 1611 e nel 1636 Gerarde ne descriveva le sue qualità medicinali. Il 18° secolo vede lo sviluppo delle coltivazioni in Russia e nei paesi dell’Europa orientale, nel 1826 sono cinque le cultivar presenti nel Royal Horticultural Society.(tab 1) Il genere Ribes è una pianta spontanea robusta, che raggiunge anche i 2 mt di altezza. Il Ribes nero ha un periodo di fruttificazione di 10 anni se ben coltivato, mentre le altre specie possono raggiungere anche i 20 anni. E’ presente nel nord e nel centro dell'Europa e dell’Asia settentrionale, è assente dall'Africa, e dal Pacifico. Riveste una grande importanza nell’economia di Russia, Polonia, Germania, Scandinavia, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, e molti paesi orientali.


Viene coltivato per i suoi frutti in Francia e in parecchi paesi dell'Europa centrale. La maggior parte delle coltivazioni di ribes sono parzialmente autosterili, si propaga sia per seme, ma principalmente per talea
L’origine geografica influenza notevolmente le caratteristiche della pianta e dei suoi frutti; è utilizzato come frutto tal quale, in succo, per confetture, gelatine, prodotti da forno e prodotti lattiero-caseari. Teme i climi troppo caldi, nei climi meridionali sono preferiti i siti ad alte altitudini, ha una buona resistenza alle basse temperature, il periodo di vegetazione inizia a marzo, mentre ad ottobre entra nella fase di dormienza. Durante l’inverno ha bisogno di un periodo a temperature basse, mentre durante la fruttificazione deve essere in pieno sole. Queste condizioni, come il riparo dal vento e dalle gelate primaverili, permettono di ottenere raccolti abbondanti e di qualità. La coltura ha bisogno di terreni con fondo argilloso, ben drenati ma umidi, ricchi di humus e a ph 5,5 – 7, anche se il valore ideale è tra 6-6,8.

Dati nutrizionali

I frutti del Ribes sono ricchi di elementi nutrizionali necessari al mantenimento del miglior stato di salute. Sono stati identificati i seguenti componenti:
basso contenuto di sodio, alto contenuto di vitamina A, di acido ascorbico (vitamina C), potassio, ferro, acidi grassi(acido gamma-linolenico (GLA), acido alfa-linolenico (ALA), acido linoleico, acido stearidonico (SDA)), catechine, proantocianidine (prodelfinidina). Sono fonti moderate di tiamina (vitamina B1), niacina (vitamina B3), e di calcio; possiedono un alto contenuto di antocianine (cyanidin-3-glucoside, cyanidin-3-rutinoside, delfinidina-3-glucoside,delfinidina-3-rutinoside), antiossidanti fenolici e flavonoidi(derivati del Kaempferolo e della quercetina)

Dati fitoterapici

Le sue proprietà anti-infiammatorie, antidolorifiche e antiallergiche sono in parte legate alla stimolazione della corteccia surrenalica. Tale stimolazione, aumentata la produzione di steroidi surrenalici; di rilevanza la capacità di legarsi ai recettori per il desossicorticosterone (DOCA), un corticosteroide presente nell’uomo, svolgendo così un’azione simile a quella di questo cortisonico.

La ricerca attribuisce al ribes un ruolo potenzialmente benefico nei casi di:

Infiammazione e risposta immunitaria: Wu et al., (1999) hanno condotto studi clinici su alcuni pazienti anziani per chiarire il ruolo del ribes. La loro ricerca ha indicato che il ribes migliora la risposta immunitaria e diminuisce i livelli di PGE-2. Leventhal et al., (1994) hanno esaminato il ruolo del ribes in pazienti affetti da artrite reumatoide. Entrambi questi studi hanno dimostrato che il ribes riduce i dolori articolari. L’azione del ribes è quella di diminuire i livelli di prostaglandina E2 (PGE-2), un gruppo di ormoni rilasciati dalle pareti dei vasi sanguigni,quale risposta alle infezioni o infiammazioni. I livelli di PGE2 aumentano durante il processo di invecchiamento e nei casi di malattie come l'artrite reumatoide.

Nei problemi di stress visivo: Il concetto di stress visivo prossimale “near-point visual stress” è stato introdotto da Skeffington negli anni '50 e viene identificato come quello stress visivo, derivante da una prolungata e impegnativa attenzione visiva svolta a distanza ravvicinata. Esso causa dolori muscolari e agli occhi portando anche alla miopia, inoltre può provocare molti disturbi e problemi a carico del sistema nervoso. L’uso prolungato dei computer, guardare spesso la televisione o un intenso uso di videogiochi, sono le principali cause di questa sintomatologia. Le ricerche hanno dimostrato che il ribes allevia la tensione oculare e l’indolenzimento

Invecchiamento: Sia la vitamina C che le antocianine, presenti in quantità significative, sono i principali componenti antiossidanti presenti nel ribes. La presenza di flavonoidi, risulta sinergica all’azione della vitamina C e tutto questo rende il ribes un ottimo antiossidante, con azione sui radicali liberi.

Malattie renali: E 'stato dimostrato che il ribes, grazie al potassio che contiene, contribuisce alla eliminazione dell’eccesso di composti acidi, trovati in pazienti affetti da infiammazioni renali, inoltre aiuta a migliorare la capacità di filtraggio dei reni.

Anemia: grazie alle alte concentrazioni di ferro e vitamina C,il ribes ha dimostrato di essere una terapia efficace contro l'anemia.

Effetti Collaterali: può aumentare la pressione arteriosa a causa della sua azione di tipo cortisonosimile, per cui va usato con cautela nel paziente iperteso.

Controindicazioni: cautela in pazienti con grave ipertensione arteriosa.

Interazioni farmacologiche: non note.

Dati Tossicologici: la dose letale per bocca è indeterminabile nel ratto, il che conferma la scarsissima tossicità dell’estratto di questa pianta.

Dalla medicina popolare: utilizzato quale diuretico usato per la gotta, i disturbi reumatici, la diarrea, la tosse convulsiva.

Preparazione della Tisana: Versare acqua bollente su 2-4 gr di droga finemente tagliata (o porli in acqua fredda, scaldare e far bollire brevemente). Lasciare in infusione per 5-10 minuti e poi filtrare. Bere 1 tazza appena preparato più volte al giorno tra i pasti. 1 cucchiaino da tè = circa 1 g

FONTI


http://it.wikipedia.org/wiki/Ribes_nigrum [scarica la voce in formato pdf]
http://www.exquire.it/pagine%20formazione/monografie%20fitoterapiche/ribes_nigrum_l.htm


Vetrina per gli acquisti

Estratto di ribes nero



Definito "cortisonico naturale", il ribes nero è un potente antinfiammatorio, antireumatico, diuretico, antigottoso, antiallergico

Etichetta: Estratto alcolico (60%), Ribes nero

Confezione: flacone da 50cc

Produttore: Laboratorio S. Ildegarde delle Monache Benedettine di Orte


In vendita su www.prodottimonastici.it

Acquista

L'officina monastica

 

 

 

 

 

 

 

 

 Vieni 

Ricerca

Loading

Immagini

Vuoi un sito web?

Vienici a trovare su
www.gildadimitri.it


Troveremo insieme la soluzione adatta!

 

Servizio di hosting

Questo sito è ospitato da: