erboristeria monastica

by www.prodottimonastici.it

Olivo (Olea europaea L.)

Nome botanico: Olea europea L.

Famiglia: Oleaceae

Parti usate: foglie

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco dal greco "elaía"= olivo

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Costituenti principali: triterpeni, flavonoidi, secoiridoidi, sostanze amare, tannini, sali minerali, clorofilla, cere, mannitolo.

Curiosità: La coltivazione dell'Olivo ha origini nel Medio Oriente per poi svilupparsi in tutto il bacino del Mediterraneo.
Frantoi che risalgono al 5000 a.C. circa, sono stati rinvenuti sia in Palestina che in Siria; la coltivazione è attestata in siti archeologici a nord del mar Morto databili al 3500 a. C. dove sono stati rinvenuti noccioli e legno usato come materiale da costruzione o come legna da ardere.
Gli Egiziani intorno al 2300 a.C. usavano i rami della pianta per ornare le tombe dei faraoni e da reperti archeologici è stato possibile capire che in Egitto il commercio dell'olio era già fiorente prima della XIX dinastia.
Da antichi papiri si apprende che Ramses III (1198-1166 a.C.) fece piantare olivi nelle vicinanze del termpio di Tebe, la produzione doveva essere offerta al dio Ra; infine rami di Olivo sono scolpiti sui bassorilievi del tempio di Ramses II a Ermopoli ( XIII secolo a. C. ).
A Ebla sono state ritrovate tavolette d'argilla e risalenti al 2500 a.C., che testimoniano la produzione di olio ai tempi del re Minosse. Queste tavolette sono la più antica testimonianza scritta riferita all'Olivo, all'olio e agli usi nel periodo di maggiore splendore della civiltà minoica.
Così come in Egitto e a Creta la coltivazione dell'olivo e l'uso dell'olio erano importanti anche in Mesopotamia, ne sono testimonianza le leggi sulla regolamentazione della produzione e del commercio dell'olio d'oliva contenuti nel famoso Codice di Hammurabi (XVIII sec. a.C.). A Babilonia il medico era "asu" cioè conoscitore d'olii.
In Palestina molte tribù erano dedite all'olivicoltura e quella più attiva pare fosse quella dei Filistei. Il luogo dove era situato l'orto del Gethsemani (dove Gesù era solito recarsi per pregare e dove si recò prima della crocefissione con i suoi discepoli), ancora oggi rappresenta una delle aree di maggiore produzione e tuttora in quella zona ci sono 8 olivi plurisecolari.
In Grecia la presenza dell'Olivo nella mitologia è rilevanate, ed è direttamente proporzionale all'utilità della pianta e ai problemi che il grande sviluppo demografico, già poneva nel IV secolo a.C.
Vuole una leggenda, che gli olivi di Atene fossero nati dal primo albero fatto spuntare sull'Acropoli dalla dea Atena durante la contesa col dio Poseidone per ottenere la supremazia nella protezione della città; un'altra leggenda narra che l'agricoltura sarebbe stata insegnata agli uomini da Aristeo, figlio di Apollo e delle ninfa Cirene e che, sempre Aristeo avrebbe inventato il frantoio e i sistemi per estrarre l'olio.
La presenza di documenti storici e il reperimento di piante di olivo, alcune delle quali plurisecolari, dimostrano che nel passato veniva praticata l' olivicoltura lungo la fascia pedemontana dell'Emilia Romagna.

La pianta dell'olivo anticamente veniva considerata come un simbolo di pace, di trionfo, di vittoria, d'onore, ed il suo frutto era principalmente utilizzato per riti e cerimonie di purificazione.
Gli antichi dicevano: il Mediterraneo comincia e finisce con l'olivo! Oggi sappiamo che la coltivazione dell'olivo va ben oltre il Mediterraneo, ma abbiamo la consapevolezza che assieme con l'olivo si è diffusa nel mondo una civiltà alimentare, frutto della saggezza e dell'esperienza di 6000 anni, riscoperta dalla scienza contemporanea viene comunemente definita " Dieta Mediterranea"

Effetti dimostrati: le foglie di Olivo hanno un'azione ipotensiva che si esplica procurando una dilatazione dei vasi. A questa pianta sono anche attribuite proprietà ipolipidemizzanti ed ipoglicemizzanti oltre ad una blanda azione diuretica.

Indicazioni: solo dosi piuttosto alte di estratti di Olivo garantiscono una diminuzione della pressione arteriosa. Grazie alla grande distribuzione di questa pianta  ed alla sua facile reperibilità nell'area mediterranea, i preparati a base di Olivo sono comunque degni di nota. I principi attivi responsabili dell'azione ipotensiva sono idro- solubili, quindi anche le estrazioni acquose come la  tisana,  utilizzando le foglie fresche, sono altamente consigliabili. Le cure a base di estratti di Olivo, per essere efficaci, devono perdurare nel tempo. Pur non avendo una funzionalità molto incisiva e marcata questa pianta è in grado di regolare diversi metabolismi come quello lipidico e degli zuccheri. Queste azioni, unite a quella diuretica, rendono l'Olivo una pianta della "giovinezza" ed in questo caso riscontriamo un'analogia con la grande longevità che caratterizza la pianta stessa.

Avvertenze: i preparati di Olivo, in particolare il decotto delle foglie, devono essere assunti a stomaco pieno in quanto potrebbero irritare la mucosa gastrica.

Note: l'attività ipotensiva dell'Olivo è inferiore a quella del Vischio ma non presenta alcun rischio per cui la terapia può essere protratta per lungo tempo.

SCHEDA

http://it.wikipedia.org [scarica la voce in formato pdf]


Vetrina per gli acquisti

Estratto all´Olea



Questo estratto può essere indicato in caso di ipertensione arteriosa, angina pectoris, arteriosclerosi, ipoglicemia (diabete).

Etichetta: Alcol 50°, Foglie di olivo, Biancospino, Anice.

Confezione: flacone da 30cc

Modo d’uso: 30 gocce 2 volte al dì

Scarica il foglietto

Produttore: Laboratorio S. Ildegarde - Monache Benedettine di Orte

In vendita da € 11,00
su www.prodottimonastici.it

Acquista

Olivo foglie in gocce 50 ml.


 

Aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, e il livello di colesterolo e glicemia.

Componenti: Estratto idroalcoolico, Olivo foglie fresche (Olea europaea)

Produttore: Herborarium del Santo

 

In vendita a € 13,90
su www.libreriadelsanto.it

Acquista

Tisana al carciofo composto 50 gr.


 

Aiuta a controllare il livello del colesterolo nel sangue.

La droga del carciofo (Cynara scolymus l., della famiglia delle Compositae) è costituita dalle foglie basali. Il carciofo esplica attività epatoprotettrice, colagoga e coleretica. E' inoltre ipocolesterolemizzante, diuretico e ipoglicemizzante. E' dunque indicato per lieve insufficienza epatica o disordini epato-biliari.

Modo d'uso: mettere in infusione 2 cucchiai di tisana in un pentolino con circa 100 ml di acqua in ebollizione, lasciare in infusione circa 5 min, filtrare con un colino.

Dose giornaliera: bere 2 tazze al giorno, dolcificare a piacere.

Confezione: busta in scatola da 50gr.

Produttore: Elisir del pellegrino

In vendita a € 5,40
su www.libreriadelsanto.it

Acquista

CREMA AL TIMO


Crema al Timo espettorante ideale nel trattamento dei primi sintomi di raffreddore e tosse.

Modo d'uso: applicare poca crema sulla zona interessata con leggero massaggio per favorirne l'assorbimento. Ideale per applicazioni sul petto, se ne consiglia l'applicazione la sera prima di coricarsi.

Composizione: Aqua, Octyl stearate, Cetearyl alcohol, Olea europaea, Helianthus annus, Triricum vulgare, Sorbitan stearate, Polysorbate 60, Thymus vulgaris, Propylene Glycol, Glycerin, Allantoin, Tocopheryl acetate, Methylparaben, Imidazolidinyl urea, Ethylparaben, Propylparaben, Lactic acid, Glyceryl oleate, Bht, Bha, Butylparaben, Magnesium nitrate, Hexylene glycol, Methoxydiglycol, Methylchloroisothiazolinone, Methylisothiazolinone, Citric acid, Ascorbyl palmitate

Confezione: tubo da 100ml.

Produttore: Herborarium del Santo

In vendita a  € 15,00
su www.libreriadelsanto.it

Acquista

L'officina monastica

 

 

 

 

 

 

 

 

 Vieni 

Ricerca

Loading

Immagini

Vuoi un sito web?

Vienici a trovare su
www.gildadimitri.it


Troveremo insieme la soluzione adatta!

 

Servizio di hosting

Questo sito è ospitato da: